Gli Ubu ad Acaya

da Alfred Jarry

ideazione e regia Alfonso Santagata

Giorgia Cocozza, Alessandra De Luca, Chiara Di Stefano,  Carlo Durante, Anna Chiara Ingrosso, Sergio Licatalosi, Daria Panettieri, Emanuela Pisicchio, Mariarosaria Ponzetta, Alfonso Santagata

E con Antonio Aluisi, Lian Cavalera, Francesco Calò, Valentina Miceli, Fabio Rosafio, Mariangela Sisinni, Federica Toni, Sabrina Vergari

 

Dal seminario tenuto da Alfonso Santagata a dicembre al teatro Koreja e l’incontro con gli attori di Koreja è nata una collaborazione per la produzione di “Gli UBU ad ACAYA”.

E’ l’occasione per le due compagnie di ripercorrere il teatro di JARRY e la sua creatura UBU, caposaldo del teatro dell’assurdo.

 

“Per toccare il carattere estremo della scrittura drammatica, spingo gli attori all’eccessività fisica, come si trattasse davvero per loro di essere marionette e ho costantemente in mente la favola semplicissima di Jarry: la favola di esseri innocenti e idioti che convivono con una grande violenza e una grande crudeltà.

Per arrivare all’attitudine drammatica di un corpo che si trasforma in marionetta, bisogna addentrarsi in un lavoro problematico con l’ attore, mettere in moto i sentimenti e la memoria: il midollo, come dice Artaud. Ovvero, se non padroneggi il tuo ritmo interiore e non hai un tuo respiro, rispetto a questa marionetta gigante, sarà lei a bruciarti.”

 

La compagnia Katzenmacher abiterà il territorio del Salento e sarà il castello di ACAYA l’arena del conflitto.

Gli UBU, mostruosi e ridicoli, fantocci crudeli e idioti più degli uomini, trucidano i nobili della famiglia Venceslao per appropriarsi degli ori e delle corone.

L’invenzione di lazzi e volgarità, di crudeltà e divertimento, ci accompagna verso la farsa nera degli UBU.

 

Una produzione Katzenmacher soc. coop. col sostegno di:

Ministero Beni e Attività Culturali – Regione Toscana – Comune di San Casciano V.P. – Comune di Gavorrano

 


per info e prenotazioni

il teatro dei luoghi fest&FINETERRA