Polveri

foto di scena

1994

Share

ideazione  e regia: Alfonso Santagata

con: Massimiliano Speziani, Alfonso Santagata, Elisabetta Ratti, Valentina Diana, Paola Baldini, Annamaria Recchioni e Daria Panettieri

assistente alla regia: Chiara Senesi 

Firenze, Teatro Studio di Scandicci, 13 dicembre 1994

Scrivere il proprio spartito, percorrendo i sentieri della memoria, dei propri ricordi: inseguendo ombre di creature destinate all’eternità.
Le creature di Polveri sono incastrate nel luogo chiuso “Teatro” bloccate senza via d’uscita, anche loro con quella condanna a mostrarsi al mondo alle ore 21.
Anche loro destinate a diventare personaggi minori eterni.

E’ una commedia di intrecci, di sentimenti che non hanno precedenti dove questa volta la mia scrittura drammatica non ha riferimenti letterari.

Le creature sono quattro:
– un extra comunitario, che lavora nel nostro paese come becchino e vanta – un’esperienza al teatro nazionale popolare del suo paese;
– sua Moglie, Bellissima;
– Ciro, un nero italiano che ha avuto la stessa sventura di Otello;
la pazza alla quale è toccata la stessa sorte di Ofelia.

Un occidente con le sue ferite che s’intreccia con i sentimenti ancora ingenui e puri dell’altra parte del mondo.

Alfonso Santagata